Archivi delle etichette: Mamma Rai

I Reclami Inutili – Il Gradasso

18 ott

Che poi te li aspetti, un po’, quelli che arrivano a minacciare di chiamare l’amico del cuggino del fratello del compagno di scuola in grado di far ‘cadere qualche testa’, quando hai un Ufficio Reclami.

Insomma, son cose che succedono, (no?) in questo Paese meraviglioso.  Tutti hanno un pezzo grosso da tirare in ballo quando pensano di essere vittime di un sopruso perpetrato da gente minuscola, piccoli dipendenti da schiacciare come formiche sotto il peso del ‘lei non sa chi sono io’.

Tutti, si capisce, tranne me, ché io al massimo conosco il mio Corvo, e quello ti becca ma non è che fa licenziare la gente.

Comunque il giorno tanto agognato è arrivato. Ho trovato anche io il Reclamante Gradasso:

vi faccio licenziare

Quasi mi spiace di rispettare la privacy della gente, perché avrei voluto sapere, sul serio, cosa pensa l’ex compagno di scuola ed amico nominato come portatore delle Piaghe d’Egitto sul burocrate reo di non trovarsi al lavoro dalle 9 alle 13.

Oh, poi io mi chiedo se il Reclamante abbia composto il numero corretto. Capite anche voi che uno in grado di mandare a me una mail di minaccia contro la Rai è in grado di aver telefonato al Commissariato di Topolinia anziché al numero dedicato. E a meno che Topolinia non esista sul serio, è palese che non gli abbia risposto nessuno.

Io però sono una persona gentile, in fondo. Questo Reclamante è stato ignorato abbastanza, e ho pensato bene di rispondergli (vedi, Reclamante Gradasso? C’è pur sempre qualcuno che ti vuol bene, su questa Terra Virtuale):

vi faccio licenziare.risposta

Devo dire che se ricevessi io una risposta del genere come minimo mi incazzerei e scatenerei la Terza Guerra Mondiale (pure se me la stessi meritando, voglio dire).

Il Reclamante invece non ci ha proprio fatto caso. Si è scusato con la coda tra le gambe:

scuse

E niente, questo Ufficio Reclami continua a dare un sacco di soddisfazioni, dopotutto.

I Reclamanti Inutili – Lettere dai nostri abbonati

26 mag

Sapevate che l’Ufficio Reclami ha degli abbonati? Io l’ho scoperto oggi…

ci scrive un nostro abbonato

 

Comunque io il canone dell’abbonato non l’ho mica ricevuto. Ditegli che quando mi arriva l’importo forse parlo con la Rai e chiedo di riattivargli i canali.

Mica siamo qui a pettinare le bambole.

(vi ricordo inutilmente, come sempre, che questo blog non è della Rai e di nessun altro Ente a cui avete reclami da indirizzare. Magari prima o poi la mia fiducia nella comprensione del testo dell’Utonto medio sarà ricompensata e prima di scrivere a me leggerete a chi state scrivendo…)

I Reclami Inutili – Invece di cancellare La Storia siamo noi, perché non rimettete le lezioni di italiano per analfabeti?

16 mag

Oggi arriva la notizia. Chiudono La Storia siamo noi. Ovviamente ci dispiace, mica siamo insensibili. L’Ufficio Reclami ha guardato per anni La Storia siamo noi, pure quando non se la cagava nessuno perché non era cool guardare roba di storia, la guardava.

Detto ciò, è arrivato l’immancabile Reclamante Inutile a protestare sulla pagina facebook per la chiusura de La Storia siamo noi:

cerca l'ufficio reclami rai

 

A questo punto, visto che tutti usano l’Ufficio Reclami per i loro reclami inutili, aggiungo un reclamo inutile.

Invece di cancellare programmi televisivi che finalmente hanno un’utilità, ripristinate le buone, vecchie, lezioni di italiano, quelle per chi era analfabeta. O se proprio non volete insegnare di nuovo l’italiano, almeno spiegate al pubblico televisivo un po’ di sana comprensione del testo.

Perché non è possibile che quando scrivo nelle informazioni ‘non sono l’Ufficio Reclami di (inserire azienda a piacere)’ arriva sempre qualcuno che non riesce a capire il significato della negazione e protesta da me come se non ci fosse un domani.

Grazie.

I Reclami Inutili – “Abbiate la compiacenza di rispondere alle e-mail”

14 feb

L’ennesima Reclamante Inutile che scrive a me invece che alla Rai:

Abbiate la compiacenza

 

Oh, io le ho risposto. Le ho consigliato di trovare l’indirizzo giusto, se vuole avere notizie dalla Rai, perché finché scrive a me…

Sono stata abbastanza compiacente?

I Reclami Inutili – Forse ha ragione mio fratello…

6 feb

Dice che dovrei cambiare il nome del blog, con tutti i reclamanti che non  distinguono un blog personale dagli uffici reclami di tutta italia. Però  se cambiassi il nome al blog come farei a leggere reclami e solleciti di reclami per Mamma Rai, come al solito inviati all’indirizzo sbagliato?

Sollecito del reclamo su reclamo mandato ad minchiam

Prima mi scrive il padre, sottolineando l’istanza. Poi mi fa scrivere dalla figlia. Probabilmente pensa che mi metta paura. Che ne so, magari se lavorassi davvero all’Ufficio Reclami Rai potrei anche sentirmi intimorita, ma non essendo dipendente dell’azienda che ospita il cavallo rachitico a Viale Mazzini, di questo reclamo e del sollecito continuo a farmene meno di zero.

Per inciso, i signori possono anche minacciare di non pagare più il canone. O di scrivere al Presidente della Repubblica, o alla Corte Europea. Se continuano a scrivere all’indirizzo sbagliato, non riceveranno mai risposta.

Al massimo un po’ di sano perculo, perché passi il padre, ma pure la figlia… Mi sa che la comprensione del testo, in quella famiglia, non si è mai fatta viva.

(comunque stavolta gliel’ho detto, che hanno sbagliato indirizzo. Speriamo che il messaggio sia chiaro)

I Reclami Inutili – La Rai e le risposte celeri

25 gen

Per la rubrica I Reclamanti Inutili abbiamo un nuovo reclamo targato Rai. Arriva dalla provincia di Udine (ve lo dico io perché il geGno ha postato pure il suo indirizzo di casa e non era carino lasciarlo), dove pare ci siano problemi di ricezione.

Il Reclamante tra l’altro pare avere una fretta del diavolo, perché chiede una risposta celere:

Risposte celere reclami rai

A parte il grassetto sottolineato (ci sento, sa, signor Reclamante?) e a parte il PERO in luogo di però, non comprendo che tipo di risposta voglia da me. A meno che il mio essere milanese nella sua testa non corrisponda automaticamente a rispondere ai reclami della Rai,  ma a questo punto mi chiedo se abbia scritto a tutti gli uffici reclami gestiti da milanesi per avere ragione del suo problema…

Comunque io la risposta celere gliela mando.

Signor Reclamante, se scrive a me posso solo garantirle che non risolverà nessun problema di ricezione, perché questo continua a non essere un Ufficio Reclami Rai. Quindi cerchi celermente un indirizzo corretto. Lo dico per lei che ci tiene ad avere gli stessi diritti dei milanesi (?) a vedere gli orridi programmi trasmessi.

I Reclami Inutili – È un chiaro complotto

5 gen

Inauguriamo l’anno di Reclami Inutili con un reclamo della fine dello scorso anno.

Nemmeno a dirlo, contro la Rai (devo cominciare a parlare male di altra gente, comincia a diventare monotono anche il reclamo inutile. Per esempio, com’è che non reclamano mai contro l’ATM? Forse non mi trovano nei motori di ricerca? Eppure i reclami del milanese incazzato per un ritardo di 5 minuti del suo autobus è un’esperienza mistica imperdibile… facciamo qualcosa! Vabbè, torniamo a noi).

Si tratta nientemeno che di un reclamo sulla trasmissione di Benigni, quella dove spiegava i fondamenti della Costituzione:

complotti di mediaset

Il Reclamante, che ci tiene a specificare di essere in regola (bravo, signore, fanno sicuramente più presa i reclami da parte di chi è in regola, a mandarli all’indirizzo corretto), si lamenta perché la Rai, a casa sua, provincia di Salerno, non si vede. Invece MEDIASET SI VEDE.

Quindi potrebbe essere un complotto di Mediaset per impedire alla gente di vedere la Rai l’unica sera dell’anno in cui manda in onda qualcosa di guardabile senza provare imbarazzo.

Però è un complotto ingegnoso. Perché a casa mia la Rai si vedeva perfettamente.

Stai a vedere che è un complotto di Mediaset contro il signore…

 

 

I Reclami Inutili – Gente che paga il canone

24 ott

Abbiamo una variazione sul tema. Niente facebook. È di turno Mamma Rai (quella che ci fa crescere sani, no?). Mamma Rai che non si vede, e insomma, qui abbiamo pure un’abbonata che dovrebbe avere il posto in prima fila:

A parte la tenerezza che si prova nel sentire finalmente qualcuna che ammette di aver pagato il canone Rai, invece del solito coro di gente che ti dice che lei, il canone, non lo paga proprio, che risposta si può dare alla Reclamante Inutile?

Signora, ci dispiace per l’inconveniente in cui sta incorrendo, ma è il caso che contatti la Rai. Perché qui, se la Rai fosse passata per errore, ormai se n’è andata e ci ha lasciato solo le vertebre del Cavallo Rachitico di Viale Mazzini.

 

I Reclami Inutili – Reperti storici

5 lug

Eccoci a una nuova settimana di Reclami Inutili. Con un Reclamante vecchio, anzi, vecchissimo. Proviene addirittura dal primo Ufficio Reclami, quello su splinder ormai salvato su Altervista.

È un Reclamante Inutile imbufalito contro Mamma Rai. Un recidivo, di quelli compulsivi che postano commenti inviperiti e farciti di oscenità e subito dopo, quando si rendono conto di essere in moderazione, non trovando il loro commento pubblicato, ne postano  un altro due giorni dopo (anche se non si legge l’IP, fidatevi sulla parola: ho avuto il commento sotto il naso per un anno e su splinder l’IP dei due Reclami inutili era lo stesso. D’altronde la stessa mano è ampiamente riconoscibile dall’italiano non pervenuto):

Notate la raffinatezza con cui elargisce un froci, e un mafiosi, e le terribili minacce di non pagare il canone Rai che dovrebbero far tremare di paura chi legge il commento (io? E quando mai me ne può fregare se qualcuno non paga il canone Rai? Me ne infischiavo pure quando scrivevo Incantesimo…)

Ah, signora mia, quanti bei ricordi perduti, nel vecchio Ufficio Reclami! Perduti… Oddio. Su facebook avevo la mia rubrichetta Vita fda blogger su cui pubblicavo le fesserie dei passanti anonimi.

Quasi quasi vado su facebook e le riesumo. Per la vostra gioia, naturalmente.

I Reclami Inutili – E io non pago!

24 mag

Oggi abbiamo un Reclamo Inutile che un po’ ci diverte e un po’ ci fa incazzare. Come abbiamo già intuito nelle puntate precedenti, questo blog è preso d’assalto dai Reclamatori di ogni tipologia.

Una delle tipologie più frequenti, fin dai primi tempi dell’Ufficio Reclami (quando stava su Splinder, per capirci) era lo Spettatore Rai Incazzato. E a dire il vero, lo Spettatore Rai ogni tanto, per non dire quasi sempre, ha ben donde di essere incazzato. Per la monnezza, per le frequenze del digitale, per tutta una serie di motivi che non sono argomento del post.

Oggi abbiamo uno Spettatore Rai Incazzato, a reclamare:

Lo Spettatore Rai Incazzato, che è in realtà una spettatrice, ha provveduto a lasciare anche il suo nome, cognome e indirizzo nel suo Reclamo Inutile. Per pura cortesia ho cancellato i dati sensibili lasciando solo il comune da cui arriva il reclamo.

Però, ecco, come dire, c’è qualche volontario disposto ad andare a Conegliano (comune del Veneto) a spiegare che non pagare una tassa non è previsto dalla legge e che in questo periodo con la rivolta fiscale paventata da quelli che girano con le Camicie Verdi c’è poco da fare gli spiritosi, dati gli ultimi risultati elettorali e la scarsa credibilità dei Paladini dell’Evasione?

Così, tanto per rimarcare che non è intelligente mandare mail in cui si manifesta l’intenzione di violare una legge a chi capita davanti, senza nemmeno preoccuparsi di capire se dietro a un blog che si intitola Ufficio Reclami potrebbe esserci un funzionario dell’Agenzia delle Entrate o una Guardia di Finanza (no, non sono un funzionario dellìAgenzia delle Entrate e nemmeno una Guardia di Finanza. Ma il concetto è chiaro…).