Archivi delle etichette: ryanair

Cose che succedono sul sito Ryanair

10 set

Prima che passi qualcuno storcendo il naso, vi avverto.

Sì, volo con Ryanair. Ho passato due anni a volare fino a Milano a 1 euro, 2, 3, sono stata a Londra spendendo 16 euro tra andata e ritorno, e non ho la minima intenzione di smettere anche se alle file per l’imbarco incontro italiani cafoni.

Li trovo pure in metropolitana, non è che smetto di prendere la metro) o perché è risaputo che chi viaggia con i low cost è in fondo un povero buzzurro maleducato che non ha la minima idea di come si viaggia in aereo in prima classe. Io la prima classe non l’ho mai vista manco in fotografia, ma ho l’abitudine di lavarmi e cambiarmi le mutande ogni mattina, non puzzo, rispetto le file, non rompo i coglioni, non protesto quando mi dicono di infilare la borsa nell’unico bagaglio a mano concesso, non supero il peso consentito,  non rubo il posto nelle cappelliere a chi sta riponendo il bagaglio a mano, mi alzo per far sedere vicino le madri portatrici sane di figli minorenni, e non sbraito in tutte le lingue quando le hostess dicono qualcosa. Butto pure le cartacce nel cestino.

Quindi non rompete i coglioni qui con la maleducazione dei viaggiatori low cost e se ci tenete andate a parlarne con quelli che non scendono mai sotto la classe economy, che da me non è aria.

Ah, non rompete le palle nemmeno con la storia delle zecche, eh, perché non è un volo una tantum provvisto di zecche che mi farà smettere di usare per sempre una compagnia aerea. Starei molto peggio se dovessi prendere tutti i giorni i treni regionali delle Ferrovie italiane. Quindi, sì, lo so, ci sono state le zecche ma ora di ottobre persino l’aereo dove hanno viaggiato clandestinamente sarà stato disinfestato.

Invece mi volevo soffermare sulla modalità di acquisto. (no, non mi devo lamentare, magari posso lamentarmi per il codice captcha, che è una gran rottura, soprattutto quando ti metti a cercare i periodi migliori e confronti i prezzi, ma ieri era domenica, cazzo avevo da fare? Ah, sì, magari le commissioni sulla carta di credito, quelle rompono i coglioni, ma sono pigra per usare le soluzioni proposte da Vologratis, quindi le pago. In fondo vado sempre a Londra con meno di 100 euro. In fondo quando vado a Milano non è che spenda molto meno, senza offerte. E le offerte vanno a culo. Quindi sticazzi).

Era un po’, tipo dallo scorso anno, complici le offerte di Trenitalia prima e di Italo poi, che non acquistavo più biglietti aerei sul sito Ryanair. Sempre per Londra, eh, le mie destinazioni ormai sembrano quelle di una vecchia abitudinaria,  d’altra parte se aveste le amiche a Londra che vi tengono a dormire ci andreste pure voi, a Londra così spesso. O no?

E insomma, vado, prenoto, evito accuratamente tutte le possibili fonti di spesa ulteriore, tipo il bagaglio in stiva o  l’ASSICURAZIONE. Questa, per capirci:

Ti compare un messaggio, quando clicchi sopra, che ti chiede se sei sicuro di non volere l’assicurazione. Io sono sicura di non volerla, un po’ da secoli. Quindi non mi assicuro. (anche qui, son cazzi miei. Non sarete voi a ripagarmi se mi faccio male, quindi impicciatevi dei vostri viaggi)

Pensi di aver finito, quindi vai avanti. Clicchi per confermare. Non vedi proprio l’ora, di vuotare la carta prepagata per dare soldi a Ryanair. Almeno, io non vedo l’ora, quando devo andare a Londra. Son lì che conto i secondi e controllo 90 volte i dati della carta di credito e i miei dati, non sia mai che compro i biglietti a nome di qualcun altro.

E cosa succede, quando clicchi? Ti compare questo:

Ecco, davanti al MOLTE PERSONE SI PENTONO AMARAMENTE, ammetto di aver vacillato per la prima volta in 4 anni di voli Ryanair. Ho pure toccato ferro, insomma.

Mi vendi un biglietto aereo, che vuol dire un biglietto per un viaggio su un veicolo a motore che vola, e va bene che sono più di 100 anni che esistono gli aerei, però stiamo sempre parlando di roba che sfida la legge di gravità, e persino io che non ho paura di volare comunque ogni volta che prendo un aereo un pensiero fugace lo mando, ai fratelli Wright e alle loro trovate.

Ma insomma, tu sei una compagnia aerea, e mi hai proposto un’assicurazione che ho rifiutato, chiedendomi già una volta se ero sicura del mio rifiuto. Ti ho detto NO due volte.

Ti rendi conto che se me lo chiedi per la terza volta con fare intimidatorio io non è che compro l’assicurazione, piuttosto prendo e cambio compagnia aerea?

E comunque sempre NO rimane. Ma perché mi devi avvelenare l’acquisto come il peggior venditore di TeleTu che chiama novanta volte al giorno, pure dopo che gli hai detto di no per 89 volte di seguito? Non è gentile. La prossima volta finisce che viaggio con EasyJet (non storcete il naso. Ormai lo avete capito che qui non ci possiamo permettere le compagnie di bandiera, a meno che qualche anima pia nonj faccia un crowd founding e non ci regali un volo British Airways)

E insomma, vi volevo rendere partecipi della mia ultima scoperta e avvertirvi. Vado a Londra, ci vado a fine ottobre, e soprattutto forse riesco a vedere lasaRamandra. Guarda se dovevamo andare fino a Londra, per vederci…

(sia chiaro: vedo anche tutti quelli che sono a Londra e vogliono farsi vedere da me, ma lei è l’unica che me lo ha chiesto esplicitamente. Se volete vedermi fatemelo sapere che controllo il mio carnet dei balli)