Due raffinati opinionisti dei nostri tempi

A distanza di 24 ore, quell’arnese infernale che è internet ci permette di vedere due filmati che rappresentano du eesponenti del centrodestra che esrpimono a favore di telecamera le loro interessantissime e meditatissime opinioni su due aspetti peculiari della vita dell’uomo del nuovo millennio: internet e la sua influenza nella vita civile del Paese e il precariato.

I due fini pensatori sono Stracquadanio e Brunetta, rispettivamente onorevole e Ministro della Pubblica Amministrazione.

Stracquadanio si perita di formulare il suo pensiero sulla capacità della sinistra di vincere le elezioni su  internet (?) stabilendo senza ombra di dubbio che è chiaro, che a sinistra si vincono le elezioni in questo modo. A sinistra non si fa un cazzo tutto il giorno  e quindi si può trascorrere tutto il giorno davanti a internet. Vincendo le elezioni. Lui, che lavora tutto il giorno e ha un sacco da fare, invece, non ha tempo per preoccuparsi di quisquilie come le elezioni. È quindi evidente che le elezioni, lui, le perde. Lui e tutta la gente del centrodestra, sia chiaro. Perché anche gli altri hanno cose più importanti da fare che stare davanti a internet tutto il giorno.

Brunetta va oltre. Brunetta, davanti a precari della Pubblica Amministrazione, si permette di scendere da un palco dove una precaria gli sta per porre una domanda, dopo essersi presentata proprio come precaria, e sembre a favore di telecamera apostrofa i precari come la parte peggiore dell’Italia.

Ora. Questi due individui hanno espresso due opinioni che vanno analizzate.

Stracquadanio dice che lui, che è una persona seria, lavora tutto il giorno e non ha tempo per stare davanti a internet. Quindi perde le elezioni. Se ne deduce che lavorare tutto il giorno e non avere tempo per stare qualche secondo su internet a vedere un po’ qual è l’umore della società che lo frequenta abitualmente, per chi aspira a mantenere il suo potere politico dato grazie al voto in cabina, potrebbe non essere ottimale, perché pare che all’elettore medio piacciano di più le persone che non fanno un cazzo tutto il giorno e che  molto probabilmente non facendo un cazzo tutto il giorno riescono a ottenere migliori risultati politici di quelli di Stracquadanio.

Oppure se ne deduce che Stracquadagno lavora talmente male che è inutile dedicare così tanto tempo al lavoro. Tanto non gli concederà maggiore credibilità politica.

Comunque la si guardi, lo stare davanti a internet tutto il giorno invece di lavorare come un mulo di questi tempi paga molto di più.  Forse ci sono delle priorità da rivedere. Tipo:  sarà mica il caso di pensare a un altro lavoro?

Per quanto riguarda Brunetta, la considerazione che viene è molto più semplice. Brunetta stabilisce che i precari della Pubblica Amministrazione sono la parte peggiore del Paese. Chiaro che Brunetta non è nuovo a questo disprezzo per il genere umano, e in particolare non fa mistero della considerazione verso i dipendenti del suo stesso ministero.

Però Brunetta di fatto è il Ministro della Pubblica Amministrazione, e quelli che stava disprezzando apertamente erano precari della Pubblica Amministrazione.

Quindi lui è di fatto il Ministro della Parte Peggiore dell’ Italia.

Sarebbe ora di farsi la domanda e darsi la risposta.

(questo post chiaramente fazioso. Io non faccio un cazzo tutto il giorno e sono pure precaria)

 

Annunci

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...