Domani c’è sciopero generale.*

Ve lo dico subito, prima che domattina andate come vostra abitudine a prendere l’autobus dopo le 8.30  e scoprite che non passa un cazzo e vi girano le palle.

E vi dico pure che domani è martedì, prima che arrivi il solito genio della teoria dello sciopero di venerdì per il ponte lungo (che poi di ponti lunghi ne fa solo chi non lavora anche il sabato o chi ha i soldi per farli, e ne avessi mai visti negli ultimi anni, a scioperare, di questi che non lavorano di sabato o che hanno i soldi per il ponte…).

Vi dico anche che lo sciopero è stato stra-annunciato, dalla CGIL in primis (ma ci sono anche altri, se non avete voglia di seguire la Camusso. Io per esempio domani mi sa che seguo il corteo dei sindacati di base, che la CGIL sta facendo roba, da me, che non mi piace tantissimo. Ovvio, se il mio stomaco regge vado in corteo, che non mi sento tanto bene da sabato sera).

L’hanno annunciato in agosto, subito dopo i correttivi straordinari alla manovra.

Tanto, pure se quei correttivi sono stati completamente sputtanati, i dipendenti hanno di che scioperare per tutto il prossimo triennio, perché la manovra di luglio sarebbe bastata e avanzata a fare cortei infiniti da sola, senza i correttivi. Prevedono di toglierci le detrazioni da lavoro dipendente, non potremo più scaricare una spesa che sia una, gli statali hanno il blocco degli scatti di anzianità fino al 2014, e ai pensionati con redditi annui sopra i 90000 euro tolgono già un contributo di perequazione del 5%, dal mese di agosto, sull’eccedenza. Quelli che percepiscono oltre 150000 euro il contributo lo pagano del 10%. Però, ehi, agli altri, il contributo di solidarietà non si può chiedere. Loro, sapete, sono ceto medio (i pensionati faranno ceto a parte, non so…)

E poi, giusto ieri, è arrivata la notizia che pure le aziende sopra i 15 dipendenti potranno tranquillamente decidere di licenziare senza giusta causa, così, come cazzo glie pare (previo accordo coi sindacati, eh, ma avete presente che tra i sindacati ci sono pure la CISL e la UIL?), pulendosi il culo con l’articolo 18.

Ecco, io ve lo dico così, in simpatia. O pure in antipatia, non è che me ne freghi. Però non dite che non siete stati avvertiti.

Soprattutto tra tre anni non venite a rompere i coglioni perché scoprirete le tasse sulle vostre buste paga sono più alte, o perché vi licenzieranno senza giusta causa, all’improvviso e con il pieno appoggio del vostro sindacato aziendale, chiedendo ma quando è successo tutto questo?

Perché la risposta sarà nell’estate del 2011, quando voi eravate in vacanza e non leggevate i giornali. E la domanda diventerà voi il 6 settembre di quell’anno, dove cazzo eravate, invece di essere in piazza o perlomeno di essere coscienti del baratro dove stavate precipitando?

Non sarà una bella domanda a cui trovare una risposta, ve lo dico sempre in simpatia o in antipatia. Tanto abbiamo stabilito che non me ne frega nulla di essere antipatica.

Quindi, domattina, se proprio non potete scioperare, non rompete il cazzo e prendete i mezzi per tempo.

Ci sarà gente a sbattersi anche per voi al modico prezzo di una giornata di lavoro tolta dalla sua busta paga. Voi dovete solo svegliarvi un po’ prima.

Mi pare ragionevole.

*(capisco che in questi giorni di confusione vi siate persi qualche pezzo. Qui c’è un pratico riassunto delle ultime puntate della soap Il cetriolo dove lo metto?)

Annunci

One thought on “Domani c’è sciopero generale.*

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...