Gli annunci possibili – Il post di inizio anno

Come primo post dell’anno nuovo avrei voluto iniziare una disquisizione su un annuncio abbastanza inquietante comparso un paio di giorni fa, ora cancellato (ma è entrato in azione San Scrinsciotto, il Santo Protettore dei Conservatori della Memoria sul Web) su un social network di mia frequentazione abituale, in cui il solito pseudo imprenditore offriva la favolosa somma di 50 centesimi etti, che specificarlo conta, a post per il primo mese di prova, massimo 3 post a settimana per autore che se riesce a farsi addirittura due caffé magari si innervosisce e la qualità del post ne risente. Dal secondo mese in poi invece i post vengono pagati da 1 a 2,50 euro, ché si sa, la gente brava va premiata economicamente.

Però l’annuncio in questione era stato già preso di mira da tutto il social network, e la discussione era stata sviscerata abbastanza nell’unica forma possibile (perculo e insulto, spesso contemporanei).

Quindi ho dovuto ripiegare su un annuncio striminzito, che a prima vista non sembra granché. Ce lo segnala una affezionata lettrice del blog, già ospite della rubrica con uno degli annunci più stronzi mai letti da quando frequento i datori di lavoro.

Mi invia per mail questo:

Reggionline.com, quotidinao online della provincia di Reggio-Emilia, ricerca un Giornalista

Si ricerca una persona per gestire l’informazione on line sulla provincia di Parma.

REQUISITI RICHIESTI
– Giornalista professionista o pubblicista con esperienza analoga che abbia lavorato per diverso tempo nei giornali parmensi
– Particolare dimestichezza con la cronaca. 

La retribuzione, dopo un breve periodo di prova di tre mesi, sarà di 1.500 euro lordi al mese.

Ora, si aprono due scuole di pensiero. Perché la nostra lettrice assidua è inorridita dal compenso mensile che sarà erogato ai giornalisti professionisti con le caratteristiche sopra elencate, ritenendolo assolutamente inadeguato alla sopravvivenza.

Io che sono molto più pratica e quando si tratta di importi lordi superiori ai 1000 euro, e che non so quasi nulla dei compensi mensili previsti in queste situazioni, invece, ho altri problemi quantici principali, e vado a elencarli:

Per quanto riguarda i tre mesi di prova:

  • sono a titolo di facce ‘n po’ vede come te la cavi e ringrazia che te famo prova’ gratis e nun te chiedemo de pagacce oppure esiste un minimo di rimborso?  Ed eventualmente, a quanto ammonta? (Non mi azzardo a chiedere se sono previsti orari di lavoro, perché giustamente il giornalista di cronaca dovrebbe andarsi a cercare le notizie, non gli arrivano di sicuro su un piatto d’argento. A meno di non concepire il lavoro di giornalista come cerco le notizie sul web, tanto ci sono sempre quei coglioni convinti che l’informazione sia un dovere civico e scrivono post in vece mia…
  • Tre mesi di prova, non sono tanti? Insomma, se non mi pagano, nel frattempo di che campo? Chiedo alla gente che vado a intervistare per avere un po’ di colore da mettere negli articoli che parlano di morti ammazzati se mi offrono un piatto di pasta, o al limite un pezzettino di parmigiano, visto il luogo di lavoro? (ma pure un mezz’etto di prosciutto crudo, che non si butta mai via…)

La nostra amica conviene sulla questione del periodo di prova che a suo avviso non dovrebbe essere nemmeno richiesto, data l’iscrizione all’albo o l’esperienza richiesta, ma si concentra in particolare sull’inadeguatezza dello stipendio.

E io invece sono terra terra, e penso che di questi tempi uno che si trova un’offerta del genere, magari al netto dei tre mesi di prova, invia il curriculum vitae e comincia a versare arsenico nelle tazze di caffè dei colleghi aspiranti giornalisti per eliminare fisicamente la concorrenza.

Ora, vi chiedo: chi di noi due ha ragione? Siete pregati di argomentare le risposte, ché queste son questioni importanti e c’è bisogno di trovare risposte adeguate.

A proposito. Vi auguro un anno di annunci decenti, ma non so perché, mi sento fin troppo ottimista.

Annunci

5 thoughts on “Gli annunci possibili – Il post di inizio anno

  1. In realtà, a seconda del lato da cui si guarda la questione, avete ragione entrambe. Mi spiego: hai ragione tu quando dici che di questi tempi 1500 euro lordi al mese non sono certo da buttare via (e io avrei già ordinato l’arsenico su ebay). Contemporaneamente, seppur abolite dal decreto sulle liberalizzazioni, le tariffe minime dell’ordine dei giornalisti (il dato risale al 2007) per una collaborazione continuativa sono molto più elevate. Si tratta di trovare un giusto equilibrio tra il rispetto per il lavoro intellettuale e le “giuste pretese” nei tempi che corrono.

    1. Ecco, per esempio a me mancava l’informazione, assolutamente vitale, sulle tariffe minime dell’ordine, di cui, ripeto, non so nulla. Tra l’altro con smilablomma abbiamo già avuto modo di confrontarci sull’argomento ‘inadeguatezza degli stipendi’ in genere, in questo paese, e siamo giunte alla conclusione che sì, non lo rifiuteremmo, uno stipendio del genere, perché non si rifiuta uno stipendio di questo tipo, ma terremmo comunque un machete affilato da usare in caso di necessità… (oppure ho capito male e il machete lo tengo solo io?)

  2. penso che 1000 euro al mese io non ho mai avuto la gioia di guadagnarli, ma non per questo mi riterrei fortunata a fare un lavoro di quella responsabilità lì per uno stipendio così misero. evidentemente cercano un professionista. ma non vogliono pagarlo. oltretutto mi concentrerei sul fatto che sono paraculi quando scrivono 1500 perché il dettaglio del lordo qualcuno se lo perde. e altri non sanno che 1500 lordi equivalgono a 1000 netti.
    insomma, lo stipendio in questione è molto più alto della media di oggi, ma è comunque una presa per il culo. alé!
    iniziamo bene la giornata!

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...