Gentile Cristina…

… che hai inviato una mail all’Ufficio Reclami vomitando odio contro Monti e chiedendogli di andarsene perché evidentemente lo consideri il problema quantico principale del Paese, temo che tu abbia sbagliato l’indirizzo email.

Anzitutto questo blog non sta chiedendo a Monti di levarsi dalle scatole. Ai massimo gli ha chiesto, in un’occasione, di cominciare a controllare i chakra della comunicazione, perché ultimamente sta avendo qualche problema.

Inoltre il tuo accenno all’IMU come tassa ingiusta dopo che un altro aveva tolto l’ICI (presumo quindi che a te facesse piacere l’eliminazione dell’ICI nonostante abbia comportato un mancato gettito nelle casse dei Comuni, eliminando di fatto un buon apporto di fondi per una serie di attività piuttosto utili per chiunque…) mi fa intuire che a te, di fatto, piacesse l’affare che stava seduto sulla poltrona della Presidenza del Consiglio fino al 12 novembre scorso.

Ecco, gentile Cristina, ti devo rendere noto un particolare che forse ti è sfuggito. Nella spasmodica ricerca di un indirizzo email a cui inviare le tue farneticanti e sgrammaticate proteste contro Monti, con un messaggio subliminale in cui fai intuire di essere favorevole all’Innominabile, hai trovato l’indirizzo sbagliato.

Non è a me che devi scrivere che Monti se ne deve andare.

Primo, a me delle tue farneticazioni non interessa nulla. Secondo, per farneticare puoi benissimo aprirti un profilo su facebook, lasciarlo pubblico e iniziare a insultare chi ti pare senza venire a rompere gli zebedei alla mia casella di posta.

Se proprio non ce la fai, o ti chiudono il profilo perché troppo offensivo, o arrivano le inondazioni e le cavallette e OPS! Non puoi aprire un profilo, un blog, o il sarcazzo che preferisci, qui c’è la pagina dei contatti della Presidenza del Consiglio.

Quindi, se sai scrivere a mano, puoi anche prendere carta e penna e indirizzare una bella missiva all’indirizzo specifico.

Però ti consiglierei di farti controllare l’ortografia, ché nella mail che mi è arrivata in posta, non c’è mai stata.

Cordiali saluti.

(e comunque non parlo solo con Cristina. Parlo con chiunque venga qui a rompere gli zebedei pretendendo di parlare di quello che preferisce, pure di marmellata quando si discute del miglior materasso possibile, con la scusa che bisogna allargare gli argomenti e non fossilizzarsi su quello di cui interessa parlare a me. Se volete parlare di cazzi vostri o volete lanciare invettive gratuite e fuori tema contro Monti, o far sapere al mondo che le donne sono tutte furbe e irretiscono gli uomini bamboccioni, potete comodamente farlo da casa vostra o in mezzo a gente che ha un serio bisogno di ascoltare le vostre cazzate. Qui finite in moderazione o nello spam)

Annunci

4 thoughts on “Gentile Cristina…

  1. sottoscrivo e mi atterro’ io stessa resistendo alla mia costante tendenza a personalizzare le questioni. In ogni caso sei sicura del messaggio subliminale? Non sara’ stata una tua proiezione sul telo bianco di un in(de)finito qualunquismo?

    1. Meno male che dovevi resistere alla tendenza a personalizzare le questioni! Suvvia, non farmi pubblicare parte di una mail che, su tuo stesso consiglio, ho deciso di non rendere pubblica per evitare di violare qualche legge sulla privacy…

  2. a volte, ma fortunatamente sempre più di rado, mi viene di constatare quanto odio covino dentro alcune persone…nei gialli di Agata Christie vi erano zitelle inacidite che inviavano lettere piene di maldicenze e volgarità, scioccanti in quell’epoca vittoriana.
    oggi che evidentemente la volgarità non sciocca più nessuno, l’aggressività viene scaricata a volte in certi attacchi (o controattacchi) verbali diretti contro chi vorrebbe soltanto “parlare” di qualcosa di evidentemente non gradito. Ma un semplice evitare di pubblicare il messaggio o dichiaralo off-topic ma pubblicarlo lo stesso non sarebbe più umanamente corretto?
    fortuna che come dicevo prima, l’odio interiorizzato, oggigiorno è sempre meno comune (vista la tendenza a non covare niente).
    Ma quando ci si trova dinanzi ad esso, fa comunque piuttosto paura!

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...