Ma com’è che sti blog fanno così tanta paura?

Insomma, capisco che arrivo per ultima (avevo le mie buone ragioni per essere distratta, non mi picchiate), però, ecco, io non comprendo moltissimo perché da qualche tempo pare che il problema quantico principale dei governi di questo Paese, siano di destra, tecnici (che poi son politici ma non importa) siano non la disoccupazione, non le pensioni, non il fatto che la gente sta quasi col culo per terra e alla terza settimana del mese sia costretta a chiedere un pasto alla Caritas, non il debito pubblico, ma, UDITE UDITE!, i blog.

Sì, probabilmente mi sento chiamata in causa perché gratta gratta sono arrivata al quarto blog, e si sa che non sono una persona carina e affabile e me la prendo un po’ a 360 gradi. Comunque ho solo dato della testa di membro a Castelli e desidero fare un clistere a Gasparri. Ah, sì. c’è quella storia del cavalletto. Ma chi di noi non ha mai desiderato tirare un cavalletto? Suvvia, siamo onesti…

Però, ecco, sta cosa che periodicamente, si potrebbe dire quasi a ogni cambio di stagione, se esistessero ancora le mezze stagioni, arriva un Ministro della Giustizia (o pure di altro, non stiamo a sottilizzare, qualunque Ministro può svegliarsi e lanciare anatemi contro i blog, in fondo questa è una democrazia. Dice) che considera i blog il male assoluto, me la dovranno spiegare.

Insomma, come possono uscire cose del genere dalla bocca di gente dotata di cervello?*

«Il giornale ha una sua consistenza cartacea. Il giornalista e l’editore sono individuabili ed è dunque possibile intervenire. Il blog ha invece una diffusione assolutamente non controllata e non controllabile. È in grado di provocare dei danni estremamente più diffusi. Ecco perché bisogna vederne anche la parte oscura».

Ora, io tutti sti danni provocati dai blog, non li vedo. Vedo un sacco di blog, invece, non cagati da un sacco di gente che invece avrebbe solo da imparare qualcosa, leggendoseli. Pure su quella che si chiama società civile, avrebbe da imparare. E pure su quello che significa essere parte di una società. Blog di gente che magari sta in rete con un nick, o di cui non conosco l’indirizzo. Anche perché non mi interessa.

E invece mi capitano davanti certi quotidiani dove la possibilità di assegnare una responsabilità a persone fisiche non sembra avere la minima rilevanza, e nemmeno sembrano avere la minima rilevanza, per le suddette persone fisiche, le sospensioni dell’ordine dei giornalisti, o le querele, o le cause per diffamazione.

Poi, io per prima non sono così convinta della necessità che tutti esprimano liberamente la propria opinione, perché non tutti hanno opinioni così rilevanti da dover esseere degne di nota.

Ma partire dal presupposto che il blog è pericoloso perché vi si potrebbe annidare una minaccia, ecco, no. Qui si arriva alla censura preventiva. E mica si può censurare il pensiero prima che sia stato espresso.

Anche perché una volta espresso il pensiero, ove si riscontrasse calunnia o diffamazione, esiste già una legislatura abbastanza ampia per adire a vie legali.

Altrimenti dovremmo cominciare a eliminare dalle case i coltelli, ché sì, sono utili per tagliare, ma qualcuno li potrebbe usare per ammazzare il vicino, o tutti i prodotti chimici che si usano per pulire la casa, perché sì, puliscono, ma non si sa mai che qualcuno venga indotto in tentazione di farsi una bomba in casa.

Insomma, qualunque cosa, a livello ideale, potrebbe essere usata per procurare danni. Ma che facciamo, allora? Laviamo i cervelli della gente? Proibiamo tutto quello che ci è ignoto perché non si sa mai come potrebbe usarlo un qualunque cittadino?

E che è, il Medioevo?

*mi rendo conto che l’attribuzione di un cervello alla portatrice sana di codesti pensieri è tutta nella mia testa, ma ve l’ho detto, invecchiando comincio a essere ottimista.

Annunci

27 thoughts on “Ma com’è che sti blog fanno così tanta paura?

  1. “Vedo un sacco di blog, invece, non cagati da un sacco di gente che invece avrebbe solo da imparare qualcosa, leggendoseli.”

    Lo devo citare!
    La gente avrebbe da imparare leggendo qualunque cosa, anche l’etichetta di quello che mangia. Ma poi dovrebbe capirlo, e quella è tutta un’altra storia. Ecco perché i blog, nella maggioranza dei casi, non riescono ad essere pericolosi.
    Magari fosse possibile.

    1. Sì, beh, il fatto che i blog non siano pericolosi era un po’ il sottotesto, in effetti. Poi mi faccio un po’ prendere dalla scrittura…
      (però non è sempre vero. Il blog dei pendolari, per esempio, a certi fa paura! :D)

  2. I blog rendono più facile e veloce la diffusione di opinioni vendute come verità, mezze bugie e/o notizie falsate per malizia, ignoranza o convenienza di colui che scrive.
    Cose che sono sempre state fatte (ed implicamente accettate) in qualsiasi chiacchiera da bar ed eventi di simile levatura sociopolitica.
    I blog hanno maggior opposizione perché siamo più portati a prender per vera una cosa scritta piuttosto che la medesima cosa detta. C’è poco da fare, siamo un popolo di boccaloni.
    Il fatto poi che il controllo dell’informazione sia alla base del controllo del pensiero credo abbia una sua “piccola” rilevanza in tutto questo chiasso. In fondo come possiamo noi popolo bue permetterci di cercar di fare la medesima cosa che da sempre viene fatta da governi ed oligarchi di ogni genere e tipo? Chi ci crediamo mai di essere?

    1. quanta saggezza in queste parole…
      (che poi a me fa paura pure la demonizzazione dell’arbitrio da parte della signora ministra… Ma come? L’arbitrio non dovrebbe essere quello che ci distingue dalle bestie?)

      1. Non è una questione di reddito quanto più di ruolo.
        Il fatto che poi, direttamente od indirettamente, ad un ruolo di comando e/o controllo vada ad affiancarsi un alto reddito è, ovviamente, uno strano caso.

      2. Storicamente in questo paese non è uno strano caso. Si contano sulla punta delle dita i membri dell’élite che non arrivano da una solida base economica e culturale, pure ereditata dalla famiglia, in questo paese, dall’unificazione ai giorni nostri. E temo che andranno sempre più diminuendoanziché aumentare, se si continua con la riproposizione di meccanismi culrali ottocenteschi.

      3. Sbagliare è umano, perseverare diabolico!

        Non insistere nelle tue menzogne, non rivolgerti alle false divinità della logica e della ragione, rivolgiti alla fede e sii bue così come ti viene richiesto.

      4. che verso fa il bue? Potrei cominciare a scrivere post nella sua lingua… Così camuffo il dissenso e i miei post ad alto potenziale criminogeno.

      5. Avrei mai potuto lasciarti tutta sola a maneggiare le pesanti casse ortofrutticole o quelle maleodoranti dei pescivendoli? Non sarei stato per nulla cavaliere, non credi?

  3. Che poi con l’ultima notizia secondo la quale anche i flussi telefonici andranno “nel mirino”, oggi si dice così “mirino” (e ogni commento sarebbe superfluo), degli “007 del fisco”, è emblematica. Il popolo va controllato, non si sa mai che il contadino scopra quanto è buono il formaggio con le pere.
    Siamo ai livelli di “Brazil”.

  4. Che poi con l’ultima notizia secondo la quale anche i flussi telefonici andranno “nel mirino”, oggi si dice così “mirino” (e ogni commento sarebbe superfluo), degli “007 del fisco”, è emblematica. Il popolo va controllato, non si sa mai che il contadino scopra quanto è buono il formaggio con le pere.
    Siamo ai livelli di “Brazil”.

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...