Progetti a breve termine. Quasi per ieri.

E niente, siccome a Londra alla fine non ci vado, a fine agosto, per una serie di circostanze che si traducono in l’organizzazione stava diventando più stressante dello stress accumulato negli ultimi 12 mesi, pensavo di rimandare più avanti e piombare a casa di Titti e della pulce che picchia le sedie Gasparri in un altro momento.

Tipo al ponte dell’Immacolata. Solo che il calendario, impietoso, mi ha avvertita subito: quest’anno, dopo il 1 gennaio, il 25 aprile, il 1 maggio e il 2 giugno, ci sono pessime notizie anche sul ponte dell’Immacolata. L’8 dicembre cade infatti di sabato. Forse mi resta il 1 novembre, a disposizione, ma mi pare che sia in mezzo alla settimana. Un ponte un po’ troppo lungo.

Si rifletteva su questa simpatica problematica che ci attanaglia in quanto lavoratori, naturalmente (fossimo disoccupati avremmo a disposizione tutto i giorni dell’anno per non partire mai. Fossimo gente che guadagna almeno 3000 euro al mese netti, cifra indicata dai massimi studiosi di soglie di povertà in circolazione sul pianeta, allora potremmo pure ipotizzare un viaggio all’insegna del famo come cazzo ce pare, ma non lo siamo e quindi ciccia), e la saggezza ha imposto un’ulteriore considerazione: l’anno successivo tutte le festività che cadono di sabato, cadranno di domenica. Quindi un altro anno di vacche magre.

Però a questo punto mi sono inceppata. Già sto facendo uno sforzo a programmare una vita oltre il 30 settembre, data di scadenza del mio contratto.

Posso arrivare a fine anno, per dire.

Cominciare a pensare al 2013 mi sembra davvero sfidare la sorte. Mi preoccuperò della mancanza di ponti del 2013 quando conoscerò l’eventuale scadenza di un eventuale prossimo contratto.

(ah, la noia del posto fisso, signora mia, programmarsi le vacanze da un anno all’altro, pensare oltre i 6 mesi di vita, progettare l’acquisto a rate dell’armadio a 6 ante perché hai una speranza di pagarle con lo stipendio del mese di dicembre, comprare l’auto nuova, accendere mutui per la tua prima casa… MA VOGLIAMO METTERE CON L’EBBREZZA DEI CONTRATTI A TERMINE?)

Annunci

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...