Oggi quindi è stato l’ultimo giorno di lavoro.

Domani invece è l’ultimo giorno di contratto. Da lunedì sono disoccupata.

Erano più di due anni che non mi ritrovavo disoccupata, così stavolta ho deciso di raccontare i giorni della disoccupazione. Inteso come racconto di tutto, o quasi tutto, quello che succede nella giornata di un disoccupato.

Siccome non sarà un racconto di reclami (non ho voglia di arrabbiarmi. O meglio. Col mio analista abbiamo stabilito che devo trovare un modo per rendere la mia rabbia costruttiva. Il che significa qualunque cosa che permetta di evitare il difacimento del mio fegato, già piuttosto malandato) ho deciso che i giorni della disoccupazione avranno un loro posto apposito.

Indovinate che posto sarà?

Bravi. È proprio un blog.

Non preoccupatevi, che nelle giornate di disoccupazione i minuti da riempire sono tanti, e un nuovo blog ne brucia parecchi. Insieme alla ricerca di annunci, alle camminate per la distribuzione di inutili curricula (che però fa scena, poi dici alla mamma che hai portato in giro i curricula e quella, mossa a pietà, ti offre pure il pranzo), le pratiche per la disoccupazione, il viaggio a Milano per l’iscrizione al centro per l’impiego, insomma, tutte queste cose.

Delle altre che facevo anche prima, tipo lo Starbooks e il blog dei treni, continuo a parlare qui sopra. Quella è roba su cui invece possiamo reclamare. A volte. Altre volte no. Però, ecco, quattro blog quando si è disoccupati sono meglio di uno.

Il blog naturalmente si intitola Il diario della disoccupazione, ma se ci andate adesso lo trovate vuoto. O meglio. Trovate il post di benvenuto. A me sta cosa che WordPress ti mette il post di benvenuto ha sempre fatto un po’ specie. Però si può sempre cancellare, eh. Anzi, poi lo cancello.

E insomma. Comincio da lunedì.

L’idea me l’ha data viadellaviola mentre era disoccupata. Secondo me io ci metto un po’ di più, a trovare un altro lavoro. Però se volete potete anche scommettere.

Se scommettete vi autorizzo a barare. Nel senso, voi scommettete, poi vi trovate sotto mano un annuncio di lavoro utile per me e per la mia attitudine a… a… (guardo un attimo il curriculum e poi vi dico le mie attitudini, che in questo momento mi sento un po’ il cervello in tilt) … Insomma, potete anche scommettere e propormi 5 minuti dopo l’annuncio della mia vita, con la certezza di vincere la scommessa.

Io non mi offendo.

Vabbé, insomma. Si ricomincia daccapo. Di nuovo. Dal 1 ottobre. Magari mi cambio anche l’avatar, già che ci sono.

(Anzi. L’ho già cambiato. Vedete il corvo? Ecco)

Annunci

2 thoughts on “Oggi quindi è stato l’ultimo giorno di lavoro.

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...