Da leggere fino in fondo,

NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE

391140_10150392586687838_1721101544_nIl post che segue ha bisogno di una premessa. Ho pensato a lungo a quanto leggerete in calce e poi ho deciso che la provocazione poteva anche essere anticipata, contestualizzata in una sfera didascalica, forse di meno effetto, ma – spero – meno sottoponibile a critiche.

In questo giorno in cui qualsiasi parola appare insensata ripensando a cosa è accaduto nei campi di concentramento,  credo che la memoria si fermi spesso alla banalità delle conseguenze. La violenza. I mucchi di scarpe. Le divise. Le ossa sporgenti. La notte dei cristalli. Il silenzio della torre del Museo ebraico di Berlino. Famiglie scomparse, rase al suolo. Silenzi che prendono il posto di storie, per sempre. Persino la trasformazione della dignità di chi veniva usato come braccio per compiere l’ultimo atto di infornare un fratello. La sopportazione della memoria per chi non era morto, ma ha visto e non è riuscito a raccontare…

View original post 1.943 altre parole

Annunci

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...