Ribadire l’ovvio.

Le cose scontate, come il lavarsi le mani dopo aver passato le giornate in una metropolitana.

E insomma, bisogna ripeterlo, ogni tanto, che i blogger a casa loro sono padroni di scrivere quello che gli pare e di parlare come gli pare di quello che gli pare. Pure di criticare iniziative che non gli piacciono.

È inutile andare a commentare spiegando come devono scrivere recensioni o di cosa si deve parlare. Scappa anche a me,  e quando mi scappa in casa d’altri mi prendo i miei calci in culo e me li tengo,  non è che torno a fare opera di moralizzazione.

Ergo, se ci tenete a non essere mandati affanculo, una volta che avete visto che no, non potete far cambiare idea al padrone di casa o alla padrona di casa con la sola imposizione delle vostre idee,  evitate di tirare in ballo il fascismo e di tornare alla carica.

Risparmiate il fiato. Dedicatevi all’uncinetto, se proprio non sapete dove mettere le mani con cui vorreste tornare a commentare. Oppure apritevi una pagina del vostro blog e scrivete lì sopra.

Tanto lì siete padroni in casa vostra, e se vi rompono o coglioni, potete sfanculare senza problemi.

Ah, è così liberatorio, sfanculare qualcuno in casa propria. Provateci, magari vi passa la voglia di andare a pretendere che le discussioni siano  a vostra immagine e somiglianza.

(e adesso andate a lavarvi le mani sennò niente cena)

Annunci

10 thoughts on “Ribadire l’ovvio.

  1. Giuiana, ti volevo dire che che essendo una blogger e scrivendo per il pubblico devi pure esporti alle critiche e alle moralizzazioni altrui , lasciando spazio ai tuoi lettori e ai tuoi commentatori e ai loro puntocazzismi . Siamo in democrazia, per cui ognuno e’ libero di dire le minchiate che vuole. Se lasci la porta di casa aperta , puo’ entrarti anche un ospite indesiderato….. Ahaha ci sei cascata…. ti sto amabilmente perculando 🙂 Volevo fare il moralista commentatore puntocazzista tuttologo bastian contrario.

    1. Ma lo so che tu sei un puntocazzista tuttologo bastian cotnrario. E pure un po’ moralista. (soprattutto sei un bacchettone perché schifi le Cinquanta Sfumature di Grigio)

  2. Io ho in moderazione da anni un commento di uno che mi dà della fascista perché non gli ho consentito di farsi i cazzi suoi in casa mia (lui e sua comare).

    Ogni tanto vado a rileggermelo 🙂

    1. Mah, c’è gente che prende e va a dire nei commenti di blog non suoi cosa dovrebbero scrivere e su cosa dovrebbero polemizzare. Va bene che tutti abbiamo l’istinto di farlo, davanti a gente irritante, ma quando capisci che non c’è trippa per gatti (di solito basta un commento) vedi pure di andartene aff…, apriti un blog e insulta a casa tua il cattivone che non vuole pensarla come te, ma non continuare a voler moralizzare un blog non tuo, perché come minimo fai la figura del pirla e non moralizzi nemmeno gli acari sul divano del blogger.

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...