Se devi farmi una sorpresa, ti prego, lascia perdere che non è aria.

No, perché io le odio, le sorprese. Quindi se ti passa per la testa di farmi un’indagine di mercato a sorpresa (lo so che dovevo smettere di occuparmene ieri, maestra, ma son loro che stanno continuando), per cortesia, lascia stare.

Come minimo, quando vieni a dirmi che mi hai fatto una sorpresa, mi incazzo, ti blocco, non mi buggeri più, e non mi buggera più nemmeno tuo cugino, perché comincio a cercare in rete il nome di tutti quelli che ti conoscono fino alla settantasettesima generazione, e li banno.

E non mi venire a raccontare che la ricerca viene fatta perché il lettore inconsapevole rischia di leggere merda, se lo lasci solo soletto a scegliere. Primo, chi cazzo sei per dire alla gente cosa non deve leggere?

Secondo, se volevo mettermi a fare esperimenti, nella vita, mica mi aprivo un blog. Mi iscrivevo a una qualche facoltà scientifica dopo le superiori e mi mettevo con santa pazienza a fare il lavoro del ricercatore. Che è sta storia che hai un blog e quindi puoi fare esperimenti? Sul mio culo? Ma chi sei? Chi ti ha autorizzato? Dov’è il consenso informato? Fammelo vedere, che gli trovo l’uso migliore possibile.

Terzo, ma ti pare che se avessi pensato che da un blog derivano grandi responsabilità lo avrei chiamato Ufficio Reclami? Col cazzo! Lo chiamavo Spider Man. O Spider Woman, visto che sono ancora femmina (anche se devo ammettere che la gente come te mi sta facendo anche un po’ crescere i gioielli di famiglia)

Invece no, ho aperto un blog, ci faccio il cazzo che mi pare, col blog. Ti piace quello che dico? Buon per entrambi. Non ti piace e non ci tornerai mai più? Non c”è problema. Il web è grande. È l’unico luogo del mondo dove grazie al cielo posso evitare di scegliere quello che mi viene propinato e cercare opinioni contrastanti.

Se tu, piccolo blogger presuntuoso convinto che con un blog si cambi il mondo decidi che devi dimostrare che puoi farmi comprare un libro con la sola imposizione di 90 segnalazioni o recenzioni (magari le avessi viste, cominque, 90 recensioni) tutte uguali e tutte positive, disdico l’abbonamento ADSL e mi rimetto a guardare la televisione.  Risparmio un sacco di fatica, a far pensare qualcun altro al mio posto, sai?

Quindi, piccolo presuntuoso convinto di esser qui a cambiare il mondo, cambia il mondo di chi vuole farselo cambiare. Io mantengo il diritto di critica, di non essere d’accordo con te e di pensare che le tue sorprese, una volta che le avrò aperte, si riveleranno una cloaca.

(questo post è chiaramente ispirato da qualcuno, ma non lo nomino perché l’ego ipertrofico non va alimentato ulteriormente)

Annunci

9 thoughts on “Se devi farmi una sorpresa, ti prego, lascia perdere che non è aria.

  1. Just a question: ce l’hai con Davide Mana, or what?
    (nota come mischio a cazzo italiano e inglese cosi’, per rendere radical chic il commentino e mettermi due metri sulle palle di tutti :-))

    Mi pare di cogliere un nonsoche’ di scimmiottamento del suo tytolo.
    E mi pare pure che Davide abbia cannato -ma glielo dissi- il bersaglio.
    Io resto dell’idea che i Boriosi Novanta (Copyright e TM) abbiano sperimentato l’equivalente della Real Doll per un blogger (che e’ diverso dallo sperimentare l’equivalente di una strafiga spettacolarmente scopabile, by the way).

    Comunque, se c’e’ bisogno d’affettare il majale sono disponibile 😛

    B.

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...