Cose di inizio anno

Abbiamo già avuto le nostre morti celebri**, si prospetta un family day in difesa della famiglia tradizionale, ci sono orde di fanatici che si danno il turno per pregare ogni ora perché un qualche dio provveda a non far passare il ddl Cirinnà, il presidente del consiglio ha proposto di licenziare entro 48 ore i dipendenti statali assenteisti (e perché non passarli per le armi senza processo direttamente? Ah, già, non c’è più la pena di morte, accidenti, altrimenti la usava col plauso del popolo italiano) e una ragazzina di 12 anni ha provato a suicidarsi, senza riuscirci, perché i suoi compagni di classe passavano il tempo a bullizzarla.

Ora. Il mio personalissimo anno non è cominciato male, devo dire la verità, ma quello che sta succedendo fuori non fa sperare proprio benissimo. Quindi possiamo provare a darci una calmata e a far finta che il mese di gennaio cominci da domani, resettiamo, rifacciamo il brindisi stanotte e domani è di nuovo il primo giorno del 2016? No, perché altri 19 giorni come questi e alla fine dell’anno mi sa che non resta più nemmeno un brandello di civiltà in piedi.

Anzi, facciamo che l’anno lo cominciate, voi, il 23 gennaio in giro per le piazze dove si difendono i diritti delle coppie gay. Io non ci posso venire, ho un turno di volontariato a casa Boschi-Di Stefano, che pure quello a ben guardare è un modo per difendere brandelli di civiltà: tenere aperti posti belli per contrastare la merda che ti circonda. Poi se ce la faccio passo in Piazza della Scala pure io, armata di pinguino e corvo, se ci stanno in borsa, così se c’è ancora gente a difendere i diritti delle coppie gay mi metto a difendere pure io.

Ma voi che non avete posti da tenere aperti, lavori impellenti, cose così, andateci. E andateci con le vostre famiglie, pure etero. Soprattutto etero. Perché sarebbe ora di spiegarlo a quella banda di idioti che pregano in difesa della famiglia tradizionale che la famiglia tradizionale non è sotto minaccia, che nessuna coppia gay vuole sposarsi e adottare i figli del compagno o della compagna perché detesta profondamente tutte le famiglie etero e vuole vederle distrutte. Semplicemente una coppia gay vuole il diritto di essere essa stessa famiglia, davanti a chiunque, legge in primis (perché senza riconoscimento davanti alla legge, porco demonio, non si ha nemmeno il diritto di stare come legittimi compagni o legittimi genitori in una stanza di ospedale a curare i propri cari). Quale cazzo di fastidio può dare questa cosa al resto del mondo? Cosa toglie a tutti quelli che si sono messi di impegno a pregare su turni perché un ddl che è semplicemente lo sforzo minimo, una roba da 6– giusto perché lo stai strappando alla prof mossa a pietà, non diventi un primo passo di un riconoscimento sacrosanto?

Allora è deciso. Il 23 ovunque voi siate trovatevi una piazza e andate a dire che a voi i diritti delle coppie gay stanno bene. Fatelo anche per voi, eh, non solo per le coppie gay. Ricordatevi che quelli che pregano contro il ddl Cirinnà sono pure contro la 194, sono gli stessi che non vogliono permettere alle donne di scegliere liberamente della loro maternità, e che a lasciarli fare chissà su che altro metteranno bocca, se non cominciamo a dirgli a voce alta che il loro dio e la loro morale se li devono tenere nelle chiese e nelle loro vite private ma non possono pretendere di farne legge di uno stato laico.

Esatto. Siamo uno stato laico. Non l’avevate ancora capito?

*mi rendo conto che non ho contromisure per i licenziamenti in 48 ore dei dipendenti pubblici e nemmeno una panacea contro il bullismo, ma prometto di lavorarci nei prossimi giorni.

**mentre scrivevo ho avuto l’ennesima brutta notizia. È morto Ettore Scola. Che non ringrazierò mai abbastanza per Una giornata particolare e C’eravamo tanto amati.

Advertisements

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...