#youhatewedonate o di quando si incazza la gente che lavora in un porto (e dona) e altre amenità

Quando vi dicono che la gente che si incontra sull’internet non è mai gente di cui ci si può fidare siete autorizzati a guardare la persona che lo dice come se venisse da Marte.

Frequento social da anni, ormai, e dopo un po’ si capisce chi è una persona gradevole,, con chi si hanno affinità e chi sono quelli che vanno tranquillamente lasciati a pascolare come le pecore nei parchi di Roma (per chi non lo sapesse, è il nuovo modo ecologico di tosare l’erba pensato dal M5S. Non ho più mani per il facepalm e quindi non ne parlo).

Tra questi c’è gente che fa qualunque tipo di lavoro, in qualunque luogo. Anche nei porti.

Ed è un portuale che si è incazzato così tanto da voler fare una donazione, sempre a SOS Mediterraée, dopo che Salvini e Toninelli hanno deciso la chiusura dei porti.

Siccome non ha molta dimestichezza con Facebook penso io a ringraziarlo e ad amplificare la donazione, e pure il suo pensiero, che merita:

Lavoro con marittimi tutti i giorni, gente che sul mare ci passa la vita. Gente che a volte la rischia, la propria vita, per prestare soccorso ad altri sfortunati vittime del brutto tempo, di navi vecchie, di imperizia o semplice sfortuna. Vedere un mangiamerda che fa il bullo, gettando nel cesso il lavoro di migliaia di uomini e donne (a partire da quelli che lavorano nella Capitaneria di Porto) e mettendo a repentaglio la pelle di centinaia di persone mi rende davvero furibondo.

 

Questa è la ricevuta della sua donazione:

L’amico immaginario dell’internet è noto come Misterpinna, e a lui vanno i ringraziamenti di tutti quelli a cui Salvini e Toninelli sono stati sullo stomaco.

Io personalmente ne approfitto anche per ringraziare la mia amica Silvia, che ha raccolto il suggerimento di non restituirmi una cifra infima che mi doveva e farla avere direttamente a qualcuna delle associazioni segnalate. Lo ha fatto e ha aggiunto qualcosa di suo, così Baobab Experience si trova un’altra donazione.

Colgo anche l’occasione per ringraziare tutti quelli che hanno donato, stanno donando e doneranno, perché sono tempi difficili e ci aspettano tempi ancora peggiori, ma è bello sapere che non siamo soli in questa lotta contro i Titani.

Nel frattempo andate a leggere il nuovo post sul sito You hate we donate. Si parla di capolarato. 

A proposito. Ci sono aggiurnamenti sui post del blog in cui potete trovare altre associazioni a cui donare. Quindi ogni tanto rileggete e ricondividete. Non fa mai male.

Annunci

Ehi, tu che stai per commentare. Sei proprio sicuro che il link al tuo blog inserito in calce al commento sia necessario?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.